Protesi fissa

La protesi fissa sostituisce gli elementi dentari con dei manufatti che non possono essere rimossi dal paziente. Tali elementi, se si ancorano sul dente o radice residuo vengono definiti corone; se poggiano sui denti adiacenti opportunamente limati al fine di ripristinare denti mancanti, ponti; infine, se sono inseriti su impianti fissati all’osso, sono definiti protesi su impianti. Sono definite protesi fisse anche le faccette, che consistono in gusci di ceramica da applicare sui denti anteriori per finalità estetiche o funzionali. Negli ultimi anni grande importanza ha assunto la realizzazione computerassistita di protesi fisse con tecnologia CAD/CAM, metodica utilizzata nel nostro studio.

Protesi totale mobile

La protesi totale rientra tra i dispositivi afisiologici, in quanto i carichi masticatori vengono completamente scaricati sulla mucosa e sull’osso sottostante, perché denti residui o radici vengono a mancare (edentulia). Essa è meglio definita “mobile totale” in quanto risulta essere un dispositivo che il paziente stesso può rimuovere e reinserire in qualsiasi momento della giornata. È generalmente composta da 14 denti, in quanto è un dispositivo atto a sostituire intere arcate ormai edentule, e da una struttura di sostegno in resina acrilica. I denti possono essere realizzati in ceramica o in resina composita (resistente e con una gamma di colori molto soddisfacente).

Se la sella edentula fosse poco rilevata o comunque per aumentare la ritenzione della protesi totale è possibile, se la quantità di osso residuo fosse sufficiente, ricorrere alla chirurgia implantare. In tal caso verrebbero inseriti nella cresta edentula degli impianti con funzione di ancoraggio(in genere per la tecnica overdentures ).

Faccette

Le faccette in porcellana sono sottili lamine in ceramica che vengono cementate sulla superficie visibile dei denti anteriori in quei pazienti che vogliono migliorare in maniera importante l estetica del proprio sorriso riducendo al minimo il trauma sui propri denti. Gli elementi dentali che accolgono una faccetta sono leggermente limati per far spazio alla ceramica. Tuttavia, la loro preparazione e’ estremamente conservativa e deve essere mantenuta a livello della porzione più superficiale del dente, lo smalto.

Corone

Le corone sono protesi per denti singoli dei quali almeno la radice è conservata. Si ancorano o al dente opportunamente preparato (moncone) o, tramite perni endocanalari, alla radice. Le corone, come anche gli elementi di ponte, possono essere in metallo, metallo ceramica, zirconio ceramica, solo ceramica. A seconda delle esigenze delle paziente si sceglie il materiale che può avere caratteristiche di resistenza ed estetica diverse.

Ponti

Nel caso in cui il paziente abbia dovuto estrarre un elemento dentale e non voglia ricorrere all’implantologia è possibile comunque sostituire il dente mancante mediante i ponti dentali.

Va sottolineato che è molto importate reintegrare l’elemento dentale perso in quanto,conseguentemente alla perdita del dente, si viene a determinare una perdita di funzione,un deficit masticatorio, una perdita di stabilità occlusale. Nel 100% dei casi in cui l’elemento dentale viene perso e non sostituito i denti residui modificano la loro posizione per compensare la perdita correndo il rischio di compromettere la loro tenuta e la stabilità occlusale di tutta la bocca.

Nei ponti l’elemento dentario estratto viene sostituito da una protesi che comprende anche gli elementi dentari adiacenti che vengono per questo ridotti a monconi e protesizzati anch’essi. L’elemento mancante assieme agli elementi pilastro (i monconi sui quali si appoggia) forma il ponte. Per travata si intende la parte di struttura destinata a sostituire l’elemento o gli elementi mancanti.

Protesi su impianti

In questo caso la radice dell’elemento mancante viene sostituita da un impianto in titanio e su questo viene cementato o avvitato l’elemento protesico. Con gli impianti è possibile realizzare anche ponti che possono sostituire l’intera arcata dentaria. Per le possibili soluzioni proteiche su impianti vedi la sezione dedicata all’implantologia nei nostri servizi.

Protesi parziale

Nel caso del paziente che ha perso alcuni elementi dentali e conservato degli altri ma non ha la possibilità di ricorrere ad una soluzione proteica fissa può ricorrere all’utilizzo della protesi scheletrita. La protesi parziale si ancora tramite ganci o attacchi ai denti rimanenti. Si può realizzare anche una protesi di tipo scheletrato in acetalica o termopressata senza ganci in metallo o ganci non metallici con quindi una migliore estetica.